ultime notizie


ULTIME NOTIZIE

Edilizia: con la crisi una generazione tagliata fuori
18 Maggio 2018 
Un’intera generazione tagliata fuori dal mercato del lavoro in edilizia. Dal 2008 al 2017, infatti, il numero di occupati fino a 35 anni di età si è ridotto del 69%: oltre 200mila giovani in meno impiegati nei cantieri. Di conseguenza, se prima della crisi i giovani rappresentavano il 43% degli occupati del settore, oggi sono solo il 25%.  
 
E’ questo l’allarme lanciato nel corso del XIX convegno nazionale dei Giovani imprenditori edili dell’Ance, dal titolo “Costruttori... al lavoro!”, che si è tenuto a Napoli nella splendida cornice del Palazzo reale.  
 
Il lavoro dunque è stato il punto di partenza del confronto, articolato in tre  tavole rotonde, alle quali hanno partecipato rappresentanti istituzionali italiani e internazionali, giornalisti personaggi politici. Come creare occupazione ricostruendo e riqualificando le città, sbloccando le opere utili al Paese, puntando su innovazione e qualità e facendo squadra con gli stakeholder del settore tra i punti toccati nel pomeriggio di lavoro.
 
A fare da apripista la presidente dei Giovani Ance, Roberta Vitale, che ha sottolineato l’importanza storica, sociale ed economica del mestiere dell’imprenditore edile. A tirare le fila il presidente dell’Associazione nazionale costruttori, Gabriele Buia, che ha richiamato l’importanza di rilanciare le città come vera sfida per il futuro.
 
Tra gli altri interventi,  il segretario della Cgil, Susanna Camusso, il Commissario per la ricostruzione, Paola De Micheli,  il produttore cinematografico e presidente della ssc Napoli, Aurelio De Laurentiis, e il professore di economia, Gustavo Piga.

 

Vai alla galleria fotografica